Norme e classificazione vetri

In edilizia il vetro è onnipresente, è un elemento strutturale che si trasforma - adattandosi alle esigenze di progettisti, architetti e vetrai - ma che allo stesso tempo deve fornire delle garanzie di sicurezza.

Ascensore e scale in vetro

Un vetro può rompersi per molte ragioni, per esempio un colpo d'aria, un urto accidentale, un tentativo di effrazione, la cosa importante è che il vetro rotto non diventi pericoloso.

Si parla allora di vetri temperati e vetri sottoposti alla laminazione, un processo, quest'ultimo, che consiste nell'assemblaggio di uno o più vetri tenuti insieme da pellicole di PVB.
In caso di rottura i vetri temperati si frantumano in una moltitudine di piccoli framementi poco taglienti, per quelli stratificati, invece, non vi è il rischio di spigoli vivi perché le schegge restano assemblate tra di loro grazie alle pellicole di PVB.

Ci sono delle specifiche norme che stabiliscono gli standard di sicurezza e che classificano le diverse tipologie di vetro, tra cui la norma UNI 7697 e la UNI EN 12600.

La norma UNI 7697

La sicurezza del vetro è regolamentata dalla norma UNI 7697 che classifica i vetri per applicazione e montaggio, indicando quelli più idonei, quindi “non pericolosi” in caso di rottura.

La norma distingue le vetrate in:

esterne, quando sono posizionate all'esterno o quando separano un ambiente esterno da uno interno;

interne, sono posizionate all'interno o separano due ambienti interni;

verticali, se l'angolo di montaggio rispetto la verticale è ≤15°;

orizzontali, se l'angolo di montaggio rispetto la verticale è >30°;

inclinate, se l'angolo di montaggio rispetto la verticale compreso tra 15° e 30°;

 

accessibili, quando le persone possono venirne a contatto nelle condizioni di impiego previsto;

non accessibili, le persone non possono venirne a contatto;

protette, si sono adottati accorgimenti che eliminano in modo certo il rischio connesso ad un'eventuale rottura delle lastre;

non protette, non si sono adottati gli accorgimenti di cui sopra.

La norma definisce anche le azioni e le sollecitazioni che possono causare la rottura di un vetro, ovvero:
  • carichi dinamici: da vento, folla, traffico pedonale, onde di pressione…
  • carichi statici: peso proprio, carichi, neve, pressione in acquari e piscine…
  • urti dovuti a fenomeni atmosferici
  • vibrazioni
  • carichi ed urti accidentali non diversamente contemplati
  • esplosioni
  • urti dovuti all'impatto di una persona
  • urti di corpi rigidi, colpi di mazza e/o d'ascia, atti vandalici, effrazione
  • urti di proiettile
  • incendi

Quali sono i rischi associabili alla rottura di un vetro?

  • Danni a persone, animali o cose
  • Caduta nel vuoto
  • Danni alla collettività (ad opere d'arte, accesso ad oggetti pericolosi...)

Applicazioni residenziali del vetro di sicurezza

Per la scelta del vetro, ci si deve attenere ai due prospetti della norma UNI 7697 – uno generico e l'altro specifico – che riguardano le applicazioni dei vetri in diversi contesti e situazioni.

Prospetto 1 UNI 7697 Prospetto 2 UNI 7697

EN 12600 e vetri stratificati 1B1, 2B2 e 3B3

La norma UNI EN 12600, conosciuta come "prova del pendolo" classifica i vetri a seconda del comportamento e della modalità di rottura di questi dopo esser colpiti da un pendolo che simula l'urto di un corpo molle (che rappresenta l'urto di una persona)

Il pendolo è costituito da due speciali pneumatici ed ha un peso di 50 ± 0,1 kg.

La modalità di rottura osservata, messa in relazione con l'altezza da cui è stato lanciato il pendolo, sono i parametri per classificare le varie tipologie di vetro.

Prova del pendolo su vetro
Altezza di caduta Tipo di rottura
1: 1200mm A: fessurazioni con frammenti separati (ricotto, indurito, temprato chimicamente)
2: 450mm B: fessurazioni con frammenti uniti (stratificato, armato, pellicola su vetro ricotto)
3: 190mm C: disintegrazione in piccole particelle (temprato termicamente)
Rottura vetro tipo A

Tipo di rottura A:
Tipica del vetro float. La frammentazione non è di sicurezza in quanto presenta crepe con frammmenti separati

Rottura vetro tipo B

Tipo di rottura B:
Tipica del vetro stratificato. La frammentazione è integra, i frammenti rimangono uniti e non si separano

Rottura vetro tipo C

Tipo di rottura C:
Tipica del vetro temprato termicamente. Disintegrazione totale in piccole particelle innocue.

La classificazione dei vetri opera la distinzione tra altezza di caduta e tipo di rottura. Ecco alcuni esempi di classificazione di vetri:

1B1

vetri stratificati - anticaduta nel vuoto - che resistono alla caduta da un'altezza di 1200 mm senza frantumarsi ne permettere alcuna penetrazione. Questa tipologia va scelta nelle aree a rischio più elevato quando in conseguenza della rottura del vetro c'è il rischio di cadere nel vuoto da un'altezza uguale o superiore a un metro causando danni a persone o cose.

2B2

vetri antiferita, resistono alla caduta di un altezza di 450mm senza frantumarsi ne permettere alcuna penetrazione. Sono preferibili ogni qualvolta sussiste un rischio per l'incolumità delle persone.

3B3

vetri stratificati che resistono alla caduta di un altezza di 190mm. Possono essere utilizzati per le situazioni di rischio inferiore o rischio indiretto.

Vetri stratificati che ti consigliamo:

Pilkington Optilam™ tettoia esterna
Pilkington Optilam™
Vai al prodotto
Vetrata edificio
AGC Stratobel
Vai al prodotto
Vetro stratificato scale
SGG Stadip
Vai al prodotto

Come leggere la sigla di un vetro stratificato?

I vetri stratificati vengono identificati con un numero a due o più cifre che indica il numero di vetri, il loro spessore e il numero di pellicole in PVB che vengono collocate tra le due lastre di vetro.

Ad esempio un vetro 66.2 corrisponde a:

>> 2 lastre di vetro float da 6 mm (6+6)

>> 2 pellicole di PVB (.2)

>> 2 pellicole di PVB hanno lo spessore di 0,76mm (ciascuna pellicola ha uno spessore di 0,38mm)

Le altre norme

In materia di vetri di sicurezza oltre alla UNI 7697 e alla UNI EN 12600 si deve far riferimento ad altre normative:

  • EN 356: Vetro per edilizia - Vetro di sicurezza – Prove e classificazione di resistenza contro l'attacco manuale. I vetri sono definiti in otto classi (dalla P1A alla P5A e dalla P6B alla P8B) in funzione delle loro proprietà di effrazione.
  • EN 1063: Vetro per edilizia – Vetrate di sicurezza – Classificazione e prove di resistenza ai proiettili. Sono definite nove classi di vetro in base a loro livello di protezione.
  • EN 13541: Vetro per edilizia – Vetro di sicurezza – Prove e classificazione della resistenza alla pressione causata da esplosioni
Logo azienda AGC

Scarica la Guida del Vetro 2018
MANUALE PER VETRAI, SERRAMENTISTI, PROGETTISTI

Scarica

CONTATTACI

Ti consigliamo il vetro di sicurezza più adatto alle tue applicazioni